0
Pubblicato il 30 gennaio 2020 da Simona Giordano in Fermentazioni
 
 

Anteprima Colline Teramane, al via la prima edizione

dav
dav

Al via a Teramo la prima edizione di Anteprima Colline Teramane, un evento che punta a collocare strategicamente la prima Docg abruzzese, il Montepulciano (suo vitigno bandiera) e il suo territorio di riferimento nel pacchetto d’élite delle aree da vino italiane, che presentano annualmente i propri prodotti prima del debutto sul mercato alla stampa specializzata e a un numero selezionato di operatori.

Alla giornata teramana, aperta con la degustazione tecnica – ospitata dal ristorante Gilda  – di 29 vini “deb” proposti dalle aziende del Consorzio presieduto da Enrico Cerulli, hanno aderito critici e giornalisti di settore stranieri (con nomi come Anders Levander e Johnatan Gebster) e italiani, con responsabili o esponenti di guide nazionali (tra loro Alessandra Piubello, curatrice della storica Guida Veronelli, o Stefania Annese, Gambero Rosso), volti televisivi e influencer reputati come Chiara Giannotti, oltre agli esponenti di vertice regionali di Slow Food, Ais, Fis e Fisar.

davLa giornata prosegue con un test riservato al vitigno bianco emergente del territorio, il Pecorino, e con uno spazio pomeridiano per visite “open” di critici e degustatori alle aziende partecipanti e al centro storico cittadino, e si concluderà con un wine dinner ove sarà possibile per gli ospiti ritestare “on demand” i vini già assaggiati nella giornata in abbinamento ai piatti pensati ad hoc e preparati da un team formato dai cuochi membri dell’associazione “Qualità Abruzzo“, ospite per l’occasione del ristorante Condito.

Ai fornelli saranno il teramano d’adozione Alessandro de Antoniis (chef e anima dei due Cipria di Mare di Teramo e Martinsicuro), Patrizia Di Gregorio (co-patronne e chef di Lucia, Giulianova), Alberto Zippilli, erede di Gabriele Marrangoni a Borgo Spoltino e, sul fronte dessert, dalla nuova “casa” di Mosciano il maestro pasticcere Sandro Ferretti. Il raffinato menù verrà proposto nel ristorante Condito a Teramo. dav

 

 

Print Friendly