0
Pubblicato il 11 agosto 2014 da Simona Giordano in Notizie
 
 

Caprice, premiati i piccoli vincitori del concorso sul gelato

I bambini premiati
I bambini premiati

 

Entusiasmo, gioia e un pizzico di emozione per i bambini che, insieme ai genitori e ai familiari, hanno partecipato ieri sera alla premiazione del concorso “Disegna il tuo gelato e gioca” ideato dal maestro Fabrizio Camplone, titolare della gelateria Caprice di Pescara.

Nella saletta della pasticceria, dove sono stati affissi tutti i disegni del concorso, Antonella Camplone e l’artista Sandro Natale hanno premiato i bambini con i palloni da calcio dei Mondiali e altri premi scelti per ciascuna categoria: gli orsacchiotti per la categoria “Baby”, un pallone della Nazionale Italiana per la categoria “Ali d’Oro” (l’azienda che produce i coni utilizzati da Caprice) e il premio “Simpatia” , a cui è andato un astuccio per i colori.

Non tutti i vincitori hanno partecipato alla premiazione perché alcuni bambini sono in vacanza con le famiglie: riceveranno il premio al ritorno a Pescara.

Francesco Di Pietro, 7 anni

Francesco Di Pietro, 7 anni

La premiazione

Ecco i vincitori di ciascuna categoria, scelti il 5 agosto scorso dalla giuria composta dal presidente Sandro Natale, da giornalisti e pubblicitari.

Pallone dei Mondiali  a Francesco Valerio Di Pietro, Andrea Cappuccilli, Federico Di Natale, Matteo Benedini, Antonio Tavani, Giulia Ciccarelli, Ariel Incarnato, Cecilia D’Onghia, Alessia Orlando, Carlotta Servalli

I cinque vincitori della categoria “baby”: Emilia Di Donato, Martina Palladoro, Giorgia Incoronato, Francesca Colagrande, Maria Pietrosante

Vincitrice del premio “Ali d’Oro”, scelto dal titolare dell’omonima azienda produttrice di coni per i gelati, Vanni Di Giosia, il disegno di Martina Barbuzza; infine, il premio speciale “Simpatia” è andato a Flavio Di Donato.

“Abbiamo già in programma di organizzare una seconda edizione del concorso, visto il grande entusiasmo riscontrato da parte dei bambini” annuncia Fabrizio Camplone. “Cercheremo di coinvolgere anche le scuole con la partecipazione di un nutrizionista che illustrerà le proprietà e le qualità del gelato”.

 

 

Print Friendly

Simona Giordano