0
Pubblicato il 13 dicembre 2013 da Simona Giordano in Altre notizie
 
 

Casa Madre Ester, un Natale di solidarietà con i doni dell’Italian American Spirit Group di Philadelphia

da sinistra_franco costanzo_gabriele marrangoni_suor pina_luigi altomari
da sinistra_franco costanzo_gabriele marrangoni_suor pina_luigi altomari
Tipicità abruzzesi e solidarietà hanno contribuito a sostenere Casa Madre Ester di Pineto..  Sono stati infatti consegnati nei giorni scorsi i  doni di Natale alla Fondazione Maria Regina a Scerne di Pineto per un valore complessivo di 7mila dollari. Generi alimentari, vestiti, scarpe e una televisione sono stati portati personalmente da una delegazione dell’associazione Italian American Spirit Group di Philadelphia agli ospiti di Casa Madre Ester, che da 25 anni accoglie minori e donne affidati temporaneamente dal Tribunale o dai servizi sociali. Dal 1988, la casa famiglia gestita da Suor Pina ha ospitato più di 1200 bambini e ragazzi. Il denaro dell’Italian American Spirit Group è stato utilizzato anche, in parte, per contribuire al pagamento di una bolletta del gas.

«Questo è il frutto della generosità dei 300 partecipanti del Galà Abruzzo & Molise organizzato il 27 gennaio 2013 nella maestosa cornice dei Franklin Apartments a Philadelphia – spiegano il presidente dell’Italian American Spirit Group, Franco Costanzo, e il delegato Luigi Altomari – a cui il ristoratore Gabriele Marrangoni ha partecipato a titolo gratuito. Ci siamo inoltre impegnati a finanziare gli studi superiori in America, per un anno, ad uno o due ragazzi della casa famiglia di Pineto».

Nella sua attività, Gabriele Marrangoni ha sempre dimostrato sensibilità verso le operazioni di beneficienza: solo negli ultimi sei mesi, nella Country House Borgo Spoltino a Mosciano Sant’Angelo ha ospitato tre cene di solidarietà, dedicate rispettivamente a Medici senza frontiere, alla Lega Italiana Fibrosi Cistica e ad Emergency.

«Tra i generi alimentari donati a Casa Madre Ester non sono mancati prosciutto, pasta e olio extravergine di oliva di alta qualità – ha precisato lo “scièf” Gabriele Marrangoni – Per l’occasione americana, abbiamo portato dall’Abruzzo zafferano, pecorino canestrato di Castel del Monte e tartufo, e abbiamo preparato trippa alla pennese, pasta alla pecorara, cipollata e filetto con tartufo abruzzese».

Print Friendly