0
Pubblicato il 30 maggio 2013 da Monica Di Fabio in Rubriche
 
 

Cibo low cost, Coldiretti lancia l’allarme per la qualità

spesa in Abruzzo
spesa in Abruzzo
Pagare poco il cibo non significa assicurarsi la qualità di ciò che si mette in tavola. Torna l’allarme della Coldiretti che presentando a Bruxelles il primo dossier sui “Rischi dei cibi low cost”, sostiene che nel 2013 sono aumentati del 26 per cento gli allarmi alimentari in Italia da consumo di cibo low cost. Il discount alimentare è l’unico settore a registrare un aumento delle vendite per effetto della crisi, cosa che ha fatto registrare un balzo record nel numero di notifiche nazionali al sistema di allerta comunitario per la prevenzione dei rischi alimentari, rispetto allo stesso periodo di cinque anni fa, prima dell’inizio della crisi.

spesa“A differenza di quanto accaduto per tutti gli altri settori – sottolinea la Coldiretti – dall’abbigliamento alle automobili, in cui gli italiani hanno rinunciato agli acquisti, per l’alimentare, che va in tavola tutti i giorni, questo non è possibile, almeno oltre un certo limite, ma si è verificato un sensibile spostamento verso i prodotti a basso costo per cercare comunque di risparmiare. Nel primo trimestre del 2013 le vendite sono aumentate solo nei discount alimentari che – precisa la Coldiretti – hanno fatto segnare un incremento del 2 per cento mentre sono risultate in calo tutte le altre forme distributive fisse al dettaglio. Una tendenza – continua la Coldiretti – frutto del cambiamento dei consumi delle famiglie italiane che per gli alimentari e bevande nel 2012 sono scesi a 117 miliardi, con un calo del 6,3 per cento dal 2008. Una storica inversione di tendenza provocata dall’aumento degli acquisti di “cibo low cost” con oltre sei famiglie italiane su dieci (62,3 per cento) che hanno tagliato quantità e qualità degli alimenti privilegiando nell’acquisto prodotti offerti spesso a prezzi troppo bassi per essere sinceri, che rischiano di avere un impatto sulla salute”.

“Dietro questi prodotti spesso si nascondono infatti ricette modificate, l’uso di ingredienti di minore qualità  o metodi di produzione alternativi – sostiene il presidente della Coldiretti Sergio Marini nel sottolineare che  - verificare sempre gli ingredienti e la provenienza in etichetta, preferire l’acquisto di prodotti freschi o comunque poco elaborati e che non devono aver subito lunghi trasporti, diffidare dei prodotti che costano troppo poco come certi extravergini che non coprono neanche il costo della raccolta, sono alcuni dei consigli da seguire”.

Print Friendly

Monica Di Fabio