0
Pubblicato il 7 novembre 2013 da Monica Di Fabio in Notizie
 
 

Controllo dei cinghiali, la Provincia di Pescara chiede aiuto ai Parchi

cinghiali
cinghiali
Le colture raramente ne escono indenni, qualche volta seminano panico anche fra la gente che si trova lungo le loro traiettorie. Il controllo dei cinghiali è una cosa seria nel territorio Pescarese e seriamente cercano di affrontarla il presidente della Provincia di Pescara Guerino Testa e l’assessore alla Caccia Mario Lattanzio che da tempo si sono adoperati per limitare i danni all’agricoltura e non causati da questa specie animale.

“I cinghiali – dice Lattanzio – vengono costantemente monitorati tramite censimenti sulla base dei quali poi, attraverso specifici Piani di controllo approvati dall’Ispra, si effettuano “abbattimenti selettivi”, principalmente nei mesi di giugno e luglio quando cioè, la maggior parte delle colture agricole, giunge a maturazione e si concentra maggiormente il danno”.

Grazie a questa attività, negli anni, si è potuto tenere sotto controllo i problemi causati dai cinghiali principalmente alle colture. Fino al 2010 i danni sul territorio della provincia di Pescara si aggiravano sui 100-150mila euro l’anno, nel 2011 unico anno in cui per motivi logistici non è stato possibile effettuare gli abbattimenti selettivi, questi sono schizzati a 250mila euro per poi scendere nel 2012 a 170mila euro con la ripresa degli abbattimenti.

“Per far fronte al controllo della specie cinghiale – prosegue l’assessore  – la Provincia di Pescara collabora con l’Atc (ambito territoriale di caccia) che si occupa dei censimenti e di redigere i Piani di abbattimento. Quest’anno, insieme all’Atc, abbiamo messo a disposizione degli agricoltori dei recinti elettrificati a protezione delle colture ad alto reddito e di superficie limitata (orti), un sistema questo, consentito dalla legge”. Grazie a questa soluzione è stato possibile ridurre le richieste di risarcimento danni.

“Alla luce degli ottimi risultati raggiunti – conclude Lattanzio – auspichiamo di estendere questo tipo di intervento, magari con un progetto specifico, che coinvolga oltre all’Atc anche la Regione e i Parchi. Rivolgo un appello ai responsabili dei Parchi affinché collaborino e rispettino il protocollo d’intesa firmato con la Provincia davanti al prefetto per prevenire i danni a cose e persone, tenendo presente che i cinghiali non conoscono i confini amministrativi e spesso trovano rifugio in queste zone dove non è possibile intervenire”.

 

Print Friendly

Monica Di Fabio