0
Pubblicato il 30 ottobre 2013 da Monica Di Fabio in Altre notizie
 
 

Frodi alimentari, la Regione chiede una task di vigilanza

ampolle
ampolle
Un tavolo di coordinamento delle attività di vigilanza e di controllo per avviare un percorso condiviso sui fattori di rischio del comparto agroalimentare.

E’ in programma, domani, giovedì 31, alle ore 12.00 presso la Prefettura di Pescara la riunione che metterà intorno allo stesso tavolo tutte le Istituzioni e gli Organi interessati, oltre al Prefetto e al Questore di Pescara, la Regione Abruzzo, rappresentata dall’assessore alle Politiche agricole, Mauro Febbo, la Provincia di bottega1Pescara, i Comandi provinciali di Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo Forestale, Vigili del Fuoco, la Direzione Marittima, i Nas, la Asl, la Camera di Commercio, la sezione territoriale dell’Istituto Centrale repressione frodi del Ministero e il Servizio Veterinario e Sicurezza Alimentare. “Questa riunione – spiega Febbo – arriva dopo l’incontro che si è tenuto il 9 ottobre scorso, nel corso del quale proprio la Regione Abruzzo è stata chiamata a coordinare il tavolo tecnico per il territorio della Provincia di Pescara. L’obiettivo è quello di coinvolgere gli Enti e gli Organismi che sono soggetti ad attività di controllo e di tutela a svolgere anche un importante ruolo di sensibilizzazione verso tutti gli operatori dell’agroalimentare al rispetto delle regole vigenti. In questo modo, si vuole avviare un percorso che miri soprattutto alla prevenzione di tutti quei fenomeni di frodi, truffe e contraffazioni che negli ultimi anni si stanno sviluppando nel resto d’Europa e anche in Italia. Seguiranno, infatti, altri incontri con Organizzazioni professionali e le Associazioni di consumatori”.

cibobioBisogna tutelare il territorio. E’ questa la priorità. “La guardia deve rimanere alta – sottolinea Febbo – se vogliamo evitare che finiscano sulle nostre tavole prodotti “taroccati” o addirittura pericolosi per la nostra salute. Il cibo, infatti, sta diventando la nuova frontiera dell’arricchimento delle organizzazioni criminali che operano senza scrupoli a danno degli interessi nazionali e in spregio alle vocazioni dei territori e di quegli operatori che ritengono la produzione di cibo sano e genuino una vera e propria missione. Si stima che il volume d’affari dell’agromafia sia quantificabile in circa 14 miliardi di euro (due anni fa la cifra era di circa 12 miliardi). Su oltre 1.700 aziende confiscate alle mafie, oltre 90 erano attive in ambito agricolo e degli 11.238 beni confiscati, ben 2.500 erano terreni con destinazione agricola. Inoltre, in Italia, il business legato all’imitazione e alla falsificazione dei prodotti italiani (con la conseguente introduzione sul mercato di prodotti di scarsissima qualità) genera un volume d’affari di oltre 60 miliardi di euro l’anno, e questo vuol dire danni ingenti alla nostra produzione agro-alimentare. Molto pomodorispesso si tratta di prodotti per i quali vengono meno anche le più elementari norme di sicurezza con l’obiettivo di essere sofisticati sino a raggiungere una minima somiglianza con quelli originali. Questo avviene in particolar modo per i prodotti lattiero-caseari, l’olio, i pomodori inscatolati, ma l’elenco tende costantemente ad allungarsi sempre di più. Di fronte a scenari così poco edificanti – conclude Febbo – è fondamentale l’impegno di tutti affinché quelle produzioni che in questi anni hanno regalato grande visibilità e riconoscibilità al made in Abruzzo restino tali non solo per il futuro delle nostre aziende, ma soprattutto per garantire la massima sicurezza ai consumatori”.

Print Friendly

Monica Di Fabio