Random Article

Il progetto

L’Abruzzo è servito story

Questo progetto nasce da una comune passione, la cucina. E da una comune competenza, l’informazione. L’Abruzzo è servito ha raccolto la voglia di entrambe di continuare a fare il nostro lavoro e quella di provare a cambiare target per trovare orizzonti nuovi.

La chiave di volta è stato il bando La crescita è Donna che la Regione Abruzzo ha pubblicato la primavera del 2012.  Il progetto ci è sgorgato dal cuore perché poteva essere una chanche oltre che per noi, anche per la regione del vino, dell’olio, della buona cucina, dell’ambiente, di quell’economia fiaccata ma ancora viva che scaturisce da sempre dal settore enogastronomico. Così abbiamo gettato idee e cuore oltre l’ostacolo insieme ad un motivatissimo studio di consulenti, tutte donne e oggi possiamo realizzarlo come “Intervento finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del PO FSE Abruzzo 2007/2013 – Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione”.

L’Abruzzo è servito intende dare voce al mondo enogastronomico abruzzese e a tutta la gente che ama cucinare, bere, coltivare, produrre, vendere, mangiare, girare, curiosare, scoprire, studiare, conoscere, raccontare, ascoltare e vivere in Abruzzo.

Non siamo chef o sommelier e non lo diventeremo. Ma offriamo spazio e tutti gli anni di esperienza nel mondo dell’informazione che ci ritroviamo sulle spalle per stabilire un contatto con questa speciale realtà abruzzese, con chi la vive e la respira, per interloquire con essa e renderla evidente. L’Abruzzo è servito è il gusto di fare informazione: dalle ricette, alle storie, all’artigianato, al commercio, agricoltura, al turismo, alla cultura, è quanto il progetto mette in pentola per la vostra e la nostra curiosità.

Vogliamo essere popolari, perché ci interessa soprattutto la gente comune, la prima vera fonte di notizie e iniziative. Vorremmo anche diventare popolari e per questo ci sforzeremo di offrire qualità e rendere la nostra sfida il più “social” possibile.

Con la messa online finisce la storia di un progetto e comincia quella di un’idea nata per continuare a scrivere: “l’Abruzzoèservito.it”.

insieme

Print Friendly