0
Pubblicato il 27 gennaio 2014 da Simona Giordano in Rubriche
 
 

“La cuoca del presidente” questa sera a Retrogusto di Slow Food

retrogusto
retrogusto
Film,  piatti e vini. E’ la “ricetta” di Retrogusto, la rassegna cinematografica targata Slow Food Lanciano, un ciclo di film per ragionare di cibo “buono, giusto e pulito”.
La manifestazione, che fa compagnia agli appassionati del grande cinema e della buona cucina, è partita il 13 gennaio prossimo per concludersi il 3 marzo e prevede che ogni settimana, presso il teatro Fenaroli di Lanciano, vengano proiettate pellicole di grandi autori del cinema italiano e internazionale.

Come da tradizione ad ogni proiezione segue una degustazione (che si terrà presso la Casa di Conversazione di Lanciano) in cui sono protagonisti osterie e ristoranti di Lanciano e del territorio, che preparano un piatto ispirato al film in visione, in abbinamento con i migliori vini di cantine rappresentative di tutta la regione.

cuocapresidente

 

 

Questa sera, 27 gennaio, alle 20.30 sarà proiettato “La cuoca del Presidente” di Christian Vincent, film francese del 2012 ispirato alla vita di Daniele Mazet-Delpeuch, che fu la cuoca personale del presidente Mitterrand dal 1988 al 1990.

 

Tra gli interpreti: Catherine Frot, Jean D’Ormesson, Hippolyte Girardot, Arthur Dupont, Jean-Marc Roulot, Arly Jover, Brice Fournier, Joe Sheridan, Philippe Uchan, Laurent Poitrenaux.

 

Le degustazioni saranno a cura dei ristoranti: La Torre di Lanciano; Agriturismo Caniloro di Lanciano; l’Aquolina di Castel Frentano; Osteria da Peppone di Castel Frentano; Trattoria Adriatica di San Vito Marina (Ch); Osteria La Patria di Lanciano; Zappacosta di Piane D’Archi (Ch) e Associazione  Custode della tradizione di Villa Santa Maria (Ch). In abbinamento i vini della Cantine: Valori di Sant’Omero (Te); Citra di Ortona (Ch); Sergio del Casale di Vasto (Ch); Cataldi Madonna di Ofena (Aq); San Lorenzo di Castilenti (Te); Legonziano di Lanciano; Valle Reale di Popoli (Pe) e Ciavolich di Miglianico (Ch).

Il programma su Slow Food

 

 

Print Friendly