0
Pubblicato il 6 maggio 2013 da Monica Di Fabio in Notizie
 
 

La pioggia danneggia il raccolto di primavera

pioggia
pioggia
La pioggia delle ultime ore semina danni in tuttta la penisola, Abruzzo compreso. Il maltempo sta facebndo slittare ulteriormente in avanti il calendario delle colture primaverili,  a rischio il primo raccolto delle foraggere, mentre per l’ortofrutta si teme un calo delle rese produttive del 10 per cento, stando alle stime della Cia-Confederazione italiana agricoltori.

“Molto spesso in questa fase, o in quella di prima fruttificazione, – spiega la Cia – piogge molto intense possono compromettere la potenzialità produttiva delle piante, abbassandone le rese. Mentre per gli orticoli, questi elementi di criticitàmeteorologica rallentano il processo di maturazione.
Il persistere delle condizioni di elevata umidità in suoli poco permeabili e pianeggianti – continua la Cia – fa temere per orticoli e graminacee che si sviluppino condizioni di asfissia nel terreno e la conseguente creazione di muffe e funghi patogeni con la successiva perdita del raccolto”.

Il mese di marzo è stato il più piovoso degli ultimi 60 anni, pazzerello al punto da far spostare in avanti l’agenda delle operazioni agricole. In molti casi facendola slittare di più di un mese, con un ritardo che soprattutto per le foraggere significherà in moti casi la perdita della prima raccolta, che va generalmente dai primi di maggio ai primi di giugno.

Print Friendly

Monica Di Fabio