0
Pubblicato il 21 novembre 2013 da redazione in cultura
 
 

L’intervento. Della Sardegna ferita che batte nel cuore dei sardi

sardegna
sardegna
Le abbiamo chiesto di dare sfogo alla sua identità dopo i morti e la devastazione vissuta e subita dalla sua terra d’origine, la Sardegna. Giorgia Bellitti vive, lavora e scrive in Abruzzo da anni. Ci ha scelto per amore, per affinità, appartiene alla nostra terra e la sintetizza nei suoi libri con il sangue e l’aria sarda che le scorrono nelle vene  e che le riempiono i polmoni. E il suo sfogo è questo, lo condividiamo con voi ringraziandola per averci concesso la sua emozione e sperando, come lei, in un futuro in cui la prevenzione prenda il posto della conta di morti e danni.

 

Giorgia Bellitti

Giorgia Bellitti

Faccio fatica a scrivere, a concentrarmi sulle parole quando ho ancora fresche alcune immagini di devastazione e sento ancora forte e bruciante la rabbia. Faccio fatica a credere che l’acqua, bene prezioso e anelato in una terra come la Sardegna, sia stata rea di tanta distruzione. L’acqua accoglie i bagnanti e bagna le casse del turismo; l’acqua, spesso razionata, disseta persone e campi arsi dal sole; l’acqua spegne gli incendi che spesso devastano la mia terra; l’acqua allaga, travolge, distrugge, isola ancor di più la mia isola.

Alluvione Sardegna: da AnsaEppure l’acqua è sempre acqua! Allora forse è ora di svegliarsi e di incominciare a considerare la Sardegna per quel che è e che vale. Non credo di essere patriottica se mi offendo quando veniamo considerati solo da maggio a settembre come destinazione balneare; la Sardegna e il popolo sardo sono molto di più. Non voglio più appartenere allo stereotipo del POETTO, PORCEDDU, AJO’ e qualche parolaccia tipica; basta! La cosa triste però è che spesso siamo noi stessi a svendere la nostra terra, svilendola e mal rappresentandola.

La Sardegna è la terra dei sardi, che dovrebbero riprendersela e toglierla agli amministratori che speculano e promuovono facili ricavi. Basta con le logiche di brevissimo periodo, basta con le lottizzazioni selvagge e i condoni da quattro soldi. Bisogna iniziare a edificare l’educazione, il senso civico, il rispetto per la propria terra e per gli equilibri. Sono stufa di vedere sfilare il carro del vittimismo e del buonismo; stanca di sentire l’esercito dei se e dei ma che avanza a discapito della prevenzione; e ora ci sarà anche sardegna funerali delle vittimechi costruirà la propria campagna elettorale sulla ricostruzione. Nulla di tutto ciò ridarà la vita ai morti, la serenità e la casa agli sfollati, i greggi ai pastori, i campi agli agricoltori, le strade alla viabilità; la prevenzione e la programmazione forse avrebbero evitato o limitato i danni.

Permettetemi una precisazione doverosa : “sardo” è colui che lotta per la propria terra, colui che piange per e con essa, colui che s’indigna quando essa viene oltraggiata, e non basta un estratto di nascita per rispondere a questo richiamo ancestrale. Coloro che si definiscono sardi solo in alcuni momenti propizi e pubblicizzati, coloro che vendono le nostre coste, coloro che insabbiano inchieste e omettono controlli, beh, quelli per me rispondono ad un’altra definizione, che non si trova alla lettera S del dizionario.

Giorgia Bellitti, scrittrice

Print Friendly

redazione