0
Pubblicato il 14 maggio 2014 da Monica Di Fabio in Rubriche
 
 

Oro al rosso di Feudo Antico dal Concours Mondial de Bruxelles

vino-rosso
vino-rosso
Ennesimo prestigioso riconoscimento per Feudo Antico, la dinamica azienda abruzzese ambasciatrice nel mondo della Dop Tullum. Al recente Concours Mondial de Bruxelles, il grande concorso internazionale che festeggia quest’anno la sua ventesima edizione, il Tullum Rosso 2011 si aggiudica il premio più importante, la medaglia d’oro. Non solo, il Tullum Rosso Riserva 2010 vince la medaglia d’argento.

 

Di Fabio al Vinitaly

Di Fabio al Vinitaly

La medaglia d’oro va a un rosso di grande personalità, dall’ampia complessità olfattiva che si esprime sia in note fruttate sia in eleganti nuances speziate. Un risultato che Andrea Di Fabio, direttore generale Feudo Antico, commenta così: “Per il Tullum Rosso un risultato eccellente. Un vino che rappresenta l’esaltazione delle caratteristiche proprie di questo antico vitigno. Esso nasce dalla prosecuzione di una produzione ispirata alla tradizione, in cui si esalta il ruolo della vasca di cemento vetrificato – nella quale il vino matura – e l’affinamento solo in bottiglia. Un procedimento che da un lato permette la massima espressione della materia prima, e dall’altro coniuga l’attenzione e il rispetto per l’ambiente, che da sempre contraddistingue Feudo Antico.”

Ogni fase del processo che porta alla nascita del Tullum Rosso Riserva - dal vigneto alla cantina – è volta all’eccellenza, al rispetto della materia prima e all’esaltazione delle sue caratteristiche specifiche. Ne deriva un vTullum-Rosso-Riserva-e1381479384761ino di grande equilibrio che coniuga forza, eleganza e carattere. “Un risultato che riconosce il valore della selezione delle uve provenienti da un unico vigneto – afferma Andrea Di Fabio –  sapientemente affinate in barriques francesi. Un vino prodotto in un numero limitato di bottiglie, che rappresenta l’esaltazione del lavoro di selezione delle uve e di affinamento svolto in cantina”.

La medaglia d’oro va dunque a un Montepulciano classico – il Tullum Rosso, appunto,

Solo vitigni autoctoni, ogni vino deriva da uno specifico vigneto (secondo la filosofia del cru francese), rese basse e tecniche di viticoltura a basso impatto. Questi i pilastri della produzione Feudo Antico, che pone al centro della propria attività una viticultura rispettosa delle tradizioni e della sostenibilità ambientale, anche grazie all’uso delle più moderne tecniche di coltivazione delle uve.

Print Friendly

Monica Di Fabio