0
Pubblicato il 15 agosto 2014 da Simona Giordano in Altre notizie
 
 

A Cappelle sul Tavo sfida tra contrade nel Palio delle Pupe

La Pupa che balla
La Pupa che balla
La sfilata dei carri delle contrade e il Palio delle Pupe saranno anche quest’anno al centro dei festeggiamenti di Ferragosto a Cappelle sul Tavo. La manifestazione è arrivata all’edizione numero 39 e sarà contornata da una serie di eventi che hanno preso il via l’11 agosto scorso per proseguire fino al 23. La serata caratterizzante di tutto il cartellone sarà ovviamente il tradizionale palio che porterà oggi, 15 agosto, i carri realizzati dalle contrade a sfilare per le vie del paese (a partire dalle 17) mentre alle 20.30 prenderà il via la manifestazione che da sempre affascina migliaia di spettatori con le pupe che si muovono a ritmo di musica mentre dalla struttura che sormonta ognuna di queste “bambolone” partono suggestivi spettacoli pirotecnici. Quest’anno il tema scelto è: cartoni animati. Si annuncia una serata da non perdere, al campo sportivo comunale, dove si potrà arrivare con il bus navetta (l’ingresso è gratuito).

 L’enogastronomia

imageIl tema enogastronomico sarà sempre presente, nelle serate d’agosto di Cappelle sul Tavo, perché sono previsti degli stand con prodotti gastronomici e per la degustazione di vini. Il giorno dopo il palio vero e proprio, il 16, al campo sportivo comunale andrà in scena lo spettacolo teatrale “La Stelle di la case” con la compagnia “La Villocche” e il 23 di nuovo spazio al teatro con “La paje accant’ a lu foche” con il teatro Minimo Angolano. Tutti i dettagli su location e orari, compresi gli altri appuntamenti in paese, sono nel programma pubblicato dal Comune di Cappelle sul sito internet.

LA TRADIZIONE

La tradizione del fantoccio di cartapesta raffigurante una donna dalle fattezze procaci e vistose, denominato “pupa” ha costituito un elemento di primaria importanza nel quadro delle feste popolari abruzzesi. La sua apparizione a conclusione di tutte le feste paesane della stagione primaverile ed estiva, affonda le radici nelle cerimonie votive e di ringraziamento delle grandi madri della terra e della fertilità.

A Cappelle sul Tavo la Pupa assume un ruolo particolare. La manifestazione compie quest’anno il suo 39esimo anno di vita. Nell’estate del 1975, l’allora sindaco Luigi Di Marzio, insieme ad alcuni concittadini, ha ben pensato di creare una gara tra le contrade del paese, ognuno con i propri colori e con la sua pupa. Da allora ogni anno la sera del 15 agosto consiste in una gara tra  contrade nel preparare la pupa più bella.

Lo “sparo della pupa”, rappresentazione tipicamente abruzzese, acquista  a Cappelle il senso di una sfida fatta di sana rivalità tra i contradaioli che si stempera tra i fuochi pirotecnici. Il lavoro inizia nei mesi precedenti nelle varie contrade del Palio e passa anche attraverso l’allestimento della sfilata di carri per dimostrare lo spirito di appartenenza e di collaborazione degli abitanti. Quest’anno il tema della sfilata è quello delle fiabe e cartoni animati. Personaggi delle fiabe impersonati dai contradaioli, sfileranno per le vie del paese accompagnando la loro pupa verso lo spettacolo pirotecnico. Si sfideranno 9 contrade: Lu quarte da Pite, La Piazze, Lu Quarte da Cape, La Marianne, Lu Crucifisse, A Pite a li Coste, Ammond’a la Valle, La Pignatare, Abball a lu Cucchione.

Print Friendly