0
Pubblicato il 7 dicembre 2015 da redazione in Notizie
 
 

A Pescara c’è il #Neolapride, giorno dell’orgoglio e della rivalsa culturale

neola
neola
L’orgoglio ha la forma e la fragranza di una neola, ma l’Abruzzo celebra poco le sue “pizzelle”, dolce coniugato in mille facce e ingredienti diversi in tutto il territorio regionale: dal sapore dolce per accompagnare merende e dessert, in versione salata per rendere “alternativi” antipasti e stuzzichini, secolare, perché la tradizione arriva dai secoli scorsi, quelli da cui arrivano anche gli antichi ferri per cuocere le neole/pizzelle/ferratelle che vogliate chiamarle, una roccaforte dei quali  è rimasta Guardiagrele, la patria del ferro battuto.

Bene, quest’orgoglio prenderà forma oggi lunedì 7 dicembre a Pescara Vecchia, a partire dalle 16,30 nello SpazioArde, luogo espositivo degli artigiani di nuova generazione, i designer, come Dario Oggiano ed Elisabetta Di Bucchianico di Arago Design che insieme ai creativi di ACube si sono inventati il #Neolapride. Ma Arago alla Neola ha regalato il mondo dentro e fuori l’Abruzzo, con la creazione della versione in ceramica che è piaciuta al punto da diventare un’icona da appendere, indossare, regalare, infilare nei giorni memorabili come matrimoni, comunioni e via dicendo, per segnare un testimone “diverso” la tappa celebrativa.

12314122_1054081221279452_732641187132991677_n#Neolapride dunque, si chiama così l’evento del 7, che consentirà di dire, fare e mangiare tutto ciò che sulla neola finora non è mai stato detto, fatto e mangiato in Abruzzo. Il luogo è Pescara, in via delle Caserme, dove dopo decenni ritornerà una fucina artigiana in piena regola, quella di Dario ed Elisabetta, che per l’evento porteranno dentro lo SpazioArde un forno dove lavorare la ceramica e le neole, insieme a tanto altro.

Dario Oggiano ed Elisabetta Di Bucchianico

Dario Oggiano ed Elisabetta Di Bucchianico

 

“Stiamo chiudendo il programma – dicono – ma da tempo pensavamo ad una giornata evento dedicata alla Neola. Quando l’abbiamo pensata l’abbiamo realizzata per farla diventare davvero una immagine simbolo in Abruzzo, perché sebbene sia tanto diffusa ovunque, la nostra regione non la celebra abbastanza. Eppure appartiene alla nostra neola01memoria storica, etnografica, enogastronomia, ma è lì che aspetta di essere collocata. Da qui il Neola Pride. La racconteremo storicamente, etnograficamente ed enogastronomicamente, grazie ad un partnerariato che rivelerà tanti volti che alimentano la storia della Neola, dai produttori dolciari a quelli dei forni, come la Cbe elettrodomestici di Spoltore, azienda leader nella costruzione di ferri elettrici e da gas che sarà della cordata regalandoci anche dei momenti dimostrativi”.

ferro ferratelle Cbe Sabato alle 10,30 la presentazione artigianale dell’evento alla stampa, nella galleria pronta a divenire un Neola Space in piena regola per l’evento che invece è il 7:  tanti gli attori coinvolti, che presentando il proprio lavoro o i frutti della propria ricerca, racconteranno di riflesso i valori insiti nella cialda abruzzese. Si partirà dalla storia, con “ferri di famiglia, biscottiere di ieri oggi e domani”, i ferri della tradizione appartenenti a famiglie abruzzesi saranno esposti insieme a quelli di ultima generazione. Poi per il design  si assisterà alla realizzazione di una delle più originali reinterpretazioni di Arago Design: la neola in ceramica, esempio di artigianato popolare contemporaneo, che si sta diffondendo come nuovo accessorio per la tavola.

neoleNel “Progetto Neola” spazio anche per l’arte: Bruna Esposito, Emanuela Barbi, Enzo De Leonibus, Franco Fiorillo e un ferro speciale che riproduce il rosone della Basilica di Colle Maggio dell’Aquila, nato per agevolare il restauro di opere d’arte danneggiate nel terremoto del 2009.

Non solo storia, ma anche assaggi e cooking show di Annarita Delli Compagni autrice del blog Cucinalkemica e Antonietta Di Nucci, “pizzellaia” della Cbe, perché il ricco mondo della neola possa essere vissuto anche solo per un giorno nell’accezione più completa possibile, che va da immagine identitaria a una sorta di veterano dolce pronto a crescere e a diventare lo streetfood più longevo della nostra tradizione.

Ma c’è spazio anche per la neola che ognuno si porta dentro, con il contest che accompagna l’evento:  si tratta del Concorso Neola Pride, una gara che mette in palio corsi di cucina ReD Academy, biscottiere elettriche di CBE e neole in ceramica di Arago Design! Si può portare la propria neola fino alle 18,30 di oggi presso il locale Omar Kayyam, di fronte allo SpazioArde per accedere alla gara che sancirà il vincitore del primo contest dedicato.

Il programma della giornata:

Ore 16,30: apertura evento

Ore 17,00: Arago design – SpazioArde. La storia della neola in ceramica (Capitolo 1)

Ore 18,00: Cooking show – Omar Kayyam. Annarita Delli Compagni e Antonietta Di Nucci (Cooking show neola parte 1°)

Ore 19,00: Arago Design – Spazio Arde. La storia della neola in ceramica (Capitolo 2)

Ore20,00: Presentazione SpazioArde

Ore 20,30: Cooking Show – Omar Kayyam. Annarita Delli Compagni e Antonietta Di Nucci (Cooking show neola parte 1°)

Ore 21,00: Conclusione su Spazio Arde e a seguire la premiazione del Concorso Neola Pride 2015

Print Friendly

redazione