Random Article


 
Food & News
 

La chitarra con le pallotte a Paglieta è ai tre formaggi!

 
pallotte cacio e ove
pallotte cacio e ove
pallotte cacio e ove

 
In breve
 

Ingredienti: per 4 persone: 300 gr. di pasta alla chitarra fatta in casa, 500 grammi di formaggi grattugiati (rigatino, grana e dolce di mucca), 100 grammi di mollica di pane, salsa di pomodoro fatta in casa quanto basta, olio evo, cipolla, basilico, prezzemolo
 
Tempo di cottura: circa 25 minuti
 
Tempo di preparazione: circa un'ora
 
Difficoltà:
 
Città:
 
Costo:
 

Plus


Piatto fortissimo in senso di tradizione, energia e territorialità

Minus


E' un piatto unico di cui è meglio non approfittare in quantità


0
Pubblicato il 19 novembre 2014 da

 
La ricetta
 
 
Una ricetta che è la norma in una parte d’Abruzzo: la chitarra con le palette cacio e ove. La parte in abruzzo in questione è l’area Frentana, la scoperta che lì questo strepitoso piatto fosse all’ordine del pasto quotidiano, c’è stata durante il contest organizzato dalla cantina Citra per identificare il miglior Cuoco-socio dell’anno che ha avuto come scenario le cucine di Red Academy, a San Vito, dove un nutrito gruppo di socie esperte in gastronomia, si è dato da fare per dimostrare genuinità, territorialità, stagionalità e fragranze abruzzesi tipiche.

pallotte cacio e ove

Letizia Cericola e il suo piatto

Dunque la chitarra. In questo caso la mano felice è quella della signora Letizia Cericola, made in Paglieta, dove lei cucina sia per i suoi che per la cittadinanza in più di un’occasione, feste, sagre e, un tempo, ci riferiscono, persino matrimoni. Lei è l’autrice di questa chitarra doc, nel vero e proprio senso della parola, fatta con farine, uova, formaggi e olio del territorio, che ha sbancato alla sessione del contest che ogni mese raduna i migliori talenti casalinghi disseminati fra i soci delle cantine enologiche  di Ortona e Lanciano.

Dunque, se nel Teramano è famosa quella con le pallotte alle tre carni, più a ovest le palette diventano ai tre formaggi (rigatino, grana e dolce di mucca). Il sugo è denso e profumato di basilico ovunque e la chitarra è quella tirata a mano e passata a lu carrature o macchinetta o matterello scanalato che dir si voglia.

Mettere parte dei formaggi in una terrina, aggiungere le uova, il pane e il prezzemolo e cominciare ad amalgamare, aggiungendo il resto dei formaggi a seconda di quanto duro si desideri l’impasto delle palette. Una volta fatto, vanno ricavate pallottole più piccole di quelle che si usano per il piatto normale, vanno fritte e poi tuffate nella salsa di pomodoro, olio, cipolla e basilico in ebollizione sul gas. Tempo mezz’ora, il gioco è fatto.  La chitarra con le pallottine cacio e ove è servita.

Servita con un Montepulciano, perché l’Abruzzo è fatto di sapori forti.

Print Friendly

0 Commenti



Lascia un commento per primo!


Rispondi

(richiesto)