Random Article


 
Food & News
 

“Ciabbott” al forno con le verdure di stagione, piatto a km 0

 
verdure ciabbott abruzzo
verdure ciabbott abruzzo
verdure ciabbott abruzzo

 
In breve
 

Ingredienti: Per 4 persone: 2 melanzane, 2 zucchine, 2 patate, 1 cipolla, 1 peperone, olio evo, sale, 250 gr di pecorino abruzzese, mozzarella, 100 gr di pangrattato
 
Tempo di cottura: circa 30 minuti
 
Tempo di preparazione: circa 20 minuti
 
Difficoltà:
 
Città:
 
Costo:
 

Plus


Piatto povero ricco di sapore

Minus


Non eccedere con il formaggio


0
Pubblicato il 28 luglio 2015 da

 
La ricetta
 
 
La cucina tipica d’Abruzzo è cucina di grandi sapori. Ma è soprattutto cucina di grandi virtù, alcune, non è un caso, le ha anche messe in pentola e nobilitate come piatto tipico territoriale. Una delle virtù che hanno più valore è la semplicità, il suo essere cucina povera, cucina capace di dare importanza, contenuti e sapore a qualsiasi cosa si trovi nell’orto. Una virtù che arriva da lontano, dai tempi in cui la sfida era quella di cucinare senza spendere, mettendo sul fuoco cose provenienti dall’orto. Come le verdure che compongono lu ciabbott.

Un nome che esprime “pienezza”, quantità prima che sapore. Anche se dalla quantità il sapore esplode. I procedimenti sono due, noi lo abbiamo cotto al forno, ma in padella o, meglio, nel coccio, la ricetta dà il meglio comunque.

Preparazione della ricetta

Abbiamo lavato e tagliato le verdure in pezzi grossolani, non piccolissimi. Messi in una teglia con olio evo, rosmarino, prezzemolo, aggiungendo abbondante pecorino abruzzese, si possono aggiungere anche pezzi di mozzarella per avere un effetto “parmigiana“, pangrattato e messo a cottura a 180 gradi finché non si creerà una superficie dorata e croccante.

Servito come antipasto o secondo, accompagnato con un vino anche non fermo è una svolta per ogni tipo di banchetto, allegro o serio che sia, anche perché offrirà a tutti il pretesto di parlare di cucina a km zero di cui l’Abruzzo è esempio. Ma è perfetto anche da portare in spiaggia e consumare freddo sotto l’ombrellone per un pranzo light e salutare.

Print Friendly

0 Commenti



Lascia un commento per primo!


Rispondi

(richiesto)