Random Article


 
Food & News
 

Invidia per l’indivia belga? Ecco come il tortino Nordeuropeo diventa abruzzese

 
indivia belga
indivia belga
indivia belga

 
In breve
 

Ingredienti: per una teglia piccola circa 18 di diametro: 600 g. indivia belga, 200 ml panna leggera, parmigiano reggiano, 200g. di prosciutto cotto, olio extravergine d'oliva
 
Tempo di cottura: circa 45 minuti
 
Tempo di preparazione: circa 50 minuti
 
Difficoltà:
 
Città:
 
Costo:
 

Plus


Un modo succulento per far mangiare l'indivia belga a tutti, ma veramente a tutti

Minus


Il sapore può risultare "saturante"


0
Pubblicato il 27 maggio 2013 da

 
La ricetta
 
 
valeria-300x199In questo maggio un po’ settembre, almeno dalle mie parti è un fatto straordinario. Generalmente qui a maggio tiriamo fuori le prime maniche corte e i sandali e siamo tutti alla ricerca di una prima tintarella. Quest’anno invece sono oltre venti giorni che piove e i tre impermeabili che ho giocano ad alternarsi sulle mie spalle ormai da troppo tempo. Quando accade questo, invece che disperarsi e attendere ansiosamente il caldo del sole d’estate, conviene adeguarsi all’occasione e preparare qualcosa che ti scalda il cuore, e l’anima. Così quando Francesco, un mio caro alunno di origine belga, mi ha parlato di questo piatto non ho potuto che prestarmi a una re-invenzione, tendente a renderlo più light, perchè si sa che nel Nord Europa sono generosi con fritto e con i condimenti…
Generalmente questo tortino- timballino-involtino  di indivia belga, viene servito con patate fritte e besciamella a non finire arricchita con formaggi…Amici, non ce l’ho fatta, proprio ora che la prova costume si avvicina!!
Dopotutto sarà anche un maggio piovoso, ma noi Il sole – quello vero – lo aspettiamo con ansia, no?

Negli scampoli di autunno che ci elargisce questa primavera, l’ultima trasgressione si prepara così: lavate l’indivia belga, privatela delle foglie esterne e tagliatela a spicchi. Arrotolate una fettina di prosciutto intorno ad ogni “spicchio” di indivia e posizionate in una teglia. Irrorate con la panna e spolverate con il pecorino abruzzese o parmigiano. Infornate a 180° forno ventilato per almeno un 45 minuti. Controllate che sia ben gratinato e gustate ben caldo!
Al posto delle patatine fritte ho pensato di avvicinare dei piselli trifolati, che trovo ottimi con il prosciutto cotto!

Fatemi sapere se l’avete rifatta!!!!! ciaoo! alla prossima!

Valeria Di Giampaolo, musicista, docente, foodblogger

Il suo blog Fulmini e Polpette

 

Print Friendly

0 Commenti



Lascia un commento per primo!


Rispondi

(richiesto)