Random Article


 
Food & News
 

A Chieti, le Virtù si chiamano Lessagne

 
10256247_663964953640402_7430627931486637807_n
10256247_663964953640402_7430627931486637807_n
10256247_663964953640402_7430627931486637807_n

 
In breve
 

Ingredienti: per 10 persone 125 gr di fagioli, 125 gr di ceci, 125 gr di lenticchie, 60 gr di fave, 60 gr piselli, 125 gr di grano, 60 gr di granoturco, 125 gr di farro, rosmarino, 1/4 sedano a pezzetti, tanta bieta, borragine ed erbe di campo a seconda della disponibilità (cacigni , cicoria ), 1 piccolo peperoncino piccante, 1 spicchio di aglio, odori (9) salvia, finocchietto, prezzemolo, timo, cotiche di maiale ed osso di prosciutto, olio extravergine di oliva ,sale qb.
 
Tempo di cottura: variabile
 
Tempo di preparazione: 2 giorni (per i legumi in ammollo)
 
Difficoltà:
 
Città:
 
Costo:
 

Plus


piatto robusto della tradizione dal gusto unico

Minus


molto laborioso


0
Pubblicato il 1 maggio 2015 da

 
La ricetta
 
 
10311228_10201082628906800_4649976946598703256_nQuesta è la minestra che anticamente veniva preparata nel mese di Maggio, con tutti i legumi e cereali che rimanevano dall’inverno con l’aggiunta dell’osso di prosciutto e tutte le verdure selvatiche che si trovavano nelle campagne. Era la bravura delle donne di casa  a renderla buona e saporita con quel che avevano a disposizione.

Nella prima fase di cottura, vengono cotti separatamente i legumi messi a bagno la sera precedente. Il granoturco una volta si cucinava come gli altri ma oggi non si trova facilmente quindi va bene anche quello in scatola. Il grano ed il farro vanno sempre lessati separatamente , circa 40/50 minuti. Le verdure, gli odori e le spezie vanno cotti nell’olio  insieme alle cotiche lessate e all’osso di prosciutto.  Dopo 15/20 minuti si aggiungono i legumi, e i cereali .  L’aggiunta della pasta è una scelta della cuoca; ogni famiglia ha la sua ricetta particolare e per ognuno è la più buona e l’unica. Il bello di questa zuppa è che ognuno la fa come gli pare, aggiungendo e togliendo gli ingredienti , nessuno ha “”LA RICETTA””,  la tradizione è anche questa.

Riassumendo: nell’olio mettere tutti gli odori con le cotiche (lessate precedentemente) e l’osso di prosciutto, far appassire ed aggiungere acqua bollente e via via tutti le verdure e tutti gli altri ingredienti, secondo la cottura necessaria ( si possono lessare tutti i legumi separatamente per abbreviare i tempi e poi unirli).

Le lessagne si servono con pizza di granturco.

Giovanna Basti, Comunità Sciaravujje

N.B. Le trattorie storiche di Chieti (Nino – La Tavernetta da Ianni -Trattoria Taverna Teate) che fanno parte della “Comunità degli Osti”, aderente alla rete di Terra Madre di Slow Food, dal 1° Maggio e per tutto il mese, prepareranno la tipica ricetta della Lessagne. Per pubblicizzare e far conoscere questo piatto, le trattorie, a prezzo cortesia offriranno, lessagne, pane fave e pecorino, con un bel bicchiere di vino.

Print Friendly

0 Commenti



Lascia un commento per primo!


Rispondi

(richiesto)