Random Article


 
Food & News
 

“Lo scorzone”, il tartufo estivo re della tavola di SoulFud

 
10440702_724171287639910_4425275457220393203_n
10440702_724171287639910_4425275457220393203_n
10440702_724171287639910_4425275457220393203_n

 
In breve
 

Ingredienti: Tartufo estivo scorzone, scampi, pesce spada, more e fragole, olio evo
 
Tempo di preparazione: quanto basta
 
Difficoltà:
 
Città:
 
Costo:
 

Plus


Piatti velocissimi e di sapore

Minus


Non esagerare con le scaglie


0
Pubblicato il 22 giugno 2014 da

 
La ricetta
 
 
SoulFud

Profumato, delicato, versatile e low cost, le qualità che fanno dello scorzone uno dei prodotti gastronomici più interessanti dell’estate

Il pesce crudo e il tartufo, semplicità e qualità

Dei buoni scampi crudi, freschissimi, o una cappasanta appena scottata, una grattata di tartufo estivo, un filo d’olio extravergine e abbiamo fatto un grande piatto!

Il tartufo per chi non ama il tartufo

Il suo profumo è intenso e gradevole, ma il sapore è delicato e simile a un fungo porcino, mi piace ritenerlo per questo il tartufo per chi non ama il tartufo, infatti questa sua delicatezza lo rende appetibile anche a chi normalmente è infastidito dalla tipica intensità aromatica di un tartufo, questo, unito al suo basso costo, lo rende un prodotto da tavola non riservato all’elite ed estremamente versatile in cucina.

tartufoUtilizzi in cucina e abbinamenti

Nella tradizione il tartufo estivo viene impiegato molto per la realizzazione di salse, creme, olii e insaccati, ma con una visione più attuale e fusion il suo profumo e il suo sapore fungino lo rendono adatto a molteplici altri impieghi e accostamenti, provate ad usarlo ad esempio frullato al sale grosso per ottenere un sale al tartufo, provate ad abbinarlo come nel mio caso di oggi a un pesce crudo o ad un formaggio fresco e intenso come una buona mozzarella di bufala, ed infine non spaventatevi e aggiungetelo a scaglie ad un gelato alla crema o a un dolce fresco di crema e frutta.

Il tartufo è un fungo fortemente aromatico, ma fondamentalmente neutro per alcuni versi, non c’è nulla che lo lega ad un utilizzo esclusivo a base salata, il mio consiglio quindi è di provare a sbizzarrirvi con gli abbinamenti, anche con gioco di temperature caldo freddo, possibilmente con anche una base cremosa e succulenta che possa enfatizzare il suo sapore, la sua delicatezza non sarà affatto invadente!

tartufo

10440702_724171287639910_4425275457220393203_n

Caratteristiche e curiosità

 

tartufoIl Tuber Aestivum, chiamato volgarmente scorzone per la sua caratteristica scorza ruvida e verrucosa, è in questo periodo tra i cibi protagonisti di ricette gourmet di molti ristoranti d’Italia come valore aggiunto a piatti spesso già complessi e importanti.

Il tartufo estivo è un fungo ipogeo, che cresce cioè sotto terra come tutti i tartufi, prediligendo i terreni sabbiosi e argillosi, in zone boschive tra pinete e latifoglie, principalmente di Roverella, Leccio, Carpino, Nocciolo, Quercia e Cerro e matura da Maggio a Dicembre.

Normalmente il tartufo scorzone rimane di piccole dimensioni, ma talvolta diventa anche molto grosso, all’occhio inesperto il suo aspetto è abbastanza simile a un tartufo nero, ma al primo taglio non possono esservi sospetti, dato che la sua gleba interna non diventa nera, ma rimane di un color giallo sporco nocciolato più o meno chiaro.

 

Print Friendly

0 Commenti



Lascia un commento per primo!


Rispondi

(richiesto)