0
Pubblicato il 25 maggio 2015 da redazione in Altre notizie
 
 

Sono golosi questi Romani! Coldiretti all’Expo parla dei cibi Spqr

CUCINA
CUCINA
Arriva un’eco da Expo che almeno un piatto Made in Italy su quattro deriva da ricette degli antichi romani. E’ l’eco della Coldiretti che, nel Padiglione di Expo a Milano al grido “No farmers no partners”, ha inaugurato la mostra dei “Cibi più amati dagli antichi romani”.

MariatagliatelleChe importa saperlo? Dipende dal vostro grado di curiosità. Fra i piatti che, secondo Coldiretti, si possono ricondurre all’epoca romana, ci sono: le Lagane e tracta, le antenate delle squisite tagliatelle alla bolognese, citate nelle Satire di Orazio; la cassoeula dei milanesi, nota allora con il nome di Pulmentarium ad ventrem; la porchetta di Ariccia, tanto cara ai laziali, era già apprezzata dai loro antenati col nome di Porcellum elixum farsilem; il pregiato Oxyporium, meglio conosciuto come aceto balsamico.

porchetta abruzzoFra i cibi filo-rosso fra l’antichità e oggi ci sono anche, secondo Coldiretti, il Garum, oggi noto come colatura di alici, che Apicio annovera in quasi tutte le sue ricette nel “De re coquinaria”; ma anche i Basynias, gli antenati degli “struffoli” napoletani.

formaggi1Da Ateneo, continua Coldiretti, attraverso il Deipnosophistai si viene a sapere che anche i Muscari, oggi conosciuti come lampascioni, erano presenti tra gli antipasti della gustatio. Ma tra i preferiti dagli antichi romani ci sono il sidro di mele, molto amato da Giulio Cesare, il pangiallo, meglio noto come pangiallo romano, il panigaccio (testum), che oggi è molto diffuso in Lunigiana e che Catone, Apicio, Ateneo, Plinio e Columella raccontavano.

E poi ci sono l’oliva tenera ascolana, i formaggi caciofiore di columella e conciato romano e il Liquore d’Ulivi, utilizzato dagli antichi romani come curativo.

Print Friendly

redazione