0
Pubblicato il 7 luglio 2015 da Simona Giordano in Altre notizie
 
 

Torna Cala Lenta, con Slow Food alla scoperta dei Trabocchi

calalenta
calalenta

Lu Rintrocele al sugo di pelosi, lu Ciabbuttille di baccalà , lu Guazzett di polipo, ma anche li Cellipiene e le Pizzelle. Il centro storico di San Vito Chietino (Chieti)  è pervaso dai  profumi di questi favolosi piatti della tradizione culinaria locale perché, già da giorni, in gran parte delle case, i fornelli sono accesi per  testare in anteprima le ricette da proporre in occasione dell’ottava edizione di Cala Lenta, profumi e sapori della Costa dei Trabocchi, rassegna che prenderà il via venerdì 10 luglio per concludersi domenica 12 luglio, su iniziativa di Slow Food Lanciano.

Cartocci marinari e gourmet

La manifestazione, che mira alla valorizzazione delle specie ittiche dell’Adriatico, punta quest’anno anche sullo Street Food che sarà proposto a San Vito Alta dai rappresentanti delle associazioni locali “Vito Olivieri”, “Nuovi Orizzonti”, “Accademia del Tempo Libero – Comitato feste di San Vito Chietino”. Nei cartocci da degustazione sarà possibile assaporare alcuni tra i piatti che meglio raccontano l’inventiva della gastronomia marinana, ma anche pane e pizze a lievitazione naturale che verranno sfornate dal maestro panificatore Venceslao Ruccolo e preparate con farina di grano Senatore Cappelli.

cartocci street foodfrittella pesce

Non mancherà la cucina gourmet con due ristoratori  che per la prima volta si cimenteranno con il cibo da strada. Nicola Rapino dell’Angolino sul Mare e Sergio Chiavaroli de Il Brigantino che cercheranno di stupire il gusto e le papille più attente con il fritto misto e altre preparazioni ideate per l’evento.

 Vita e valore ai trabocchi

L’edizione 2015 della rassegna offre un programma molto ricco e variegato, segno di una crescita dovuta al successo riscosso nelle precedenti edizioni, come ha sottolineato Raffaele Cavallo, segretario regionale di Slow Food, in occasione della presentazione alla Camera di Commercio di Chieti. “Siamo orgogliosamente presenti anche quest’anno”- ha esordito. “Quando è nata la manifestazione, nel 2004,  la Costa dei Trabocchi la conoscevano poco anche gli abruzzesi. All’epoca solo due trabocchi erano organizzati per attività pseudo ristorative, oggi sono una decina ed è un vero boom. Abbiamo ridato vita e valore a queste storiche macchina da pesca che rappresentano gli strumenti ideali per ripensare e rileggere in chiave moderna lo sviluppo sostenibile di questo tratto di costa adriatica”.

Da sx Roberto Di Vincenzo e Raffaele Cavallo

Da sx Roberto Di Vincenzo e Raffaele Cavallo

Tre giorni tra eventi e degustazioni

Ispirata dunque ai trabocchi  e al gesto del traboccante che in attesa dell’alba scende lentamente le reti rilasciando le cime, Cala Lenta, che nella scorsa edizione ha fatto registrare 10mila presenze, si pone l’obiettivo di portare all’attenzione del grande pubblico le problematiche legate alla salvaguardia del mare e dello straordinario patrimonio natural-gastronomico della costa teatina attraverso una serie di iniziative che animeranno il fine settimana.
Accanto alle cene tematiche e alle cene sui trabocchi, lungo tutta la costa teatina, ad animare il centro storico di San Vito Chietino, cuore della manifestazione, ci saranno incontri e convegni, i laboratori del gusto con lo chef Ermanno Di Paolo, il Mercato del Gusto dove conoscere ed acquistare le eccellenze regionali, gli show cooking con alcuni tra i migliori chef della cucina regionale e molisana come Franco Franciosi del Mammorossa di Avezzano ed Antonio Terzano dell’Osteria dentro Le Mura di Termoli, e ancora le attività della Casa delle parole e delle mani, lo spazio dedicato alla lettura con la presentazioni di libri, che ospiterà, per ogni giornata, anche laboratori tematici per bambini e ragazzi.

Lo chef Ermanno Di Paolo

Lo chef Ermanno Di Paolo

Lungo il territorio costiero della provincia di Chieti, da Francavilla al Mare a San Salvo, saranno coinvolte le trattorie e i ristoranti selezionati da Slow Food, che ospiteranno le cene tematiche dedicate ai piatti della più classica tradizione marinara locale e si potrà cenerà sui cinque trabocchi che hanno aderito alla manifestazione: Trabocco Valle Grotte di San Vito Chietino, Trabocco Punta Isolata, Trabocco Punta Punciosa, Trabocco Punta Cavalluccio di Rocca San Giovanni e Trabocco Pesce Palombo di Fossacesia.

Come raccontare il territorio

“La Costa dei Trabocchi rappresenta un territorio unico ed inimitabile della nostra Regione in grado di attrarre turisti e creare economie.– ha spiegato Roberto Di Vincenzo, presidente della Camera di Commercio di Chieti che ha dato il sostegno alla rassegna. “La manifestazione Cala Lenta rappresenta un volano per lo sviluppo di pesca, agricoltura ed attività connesse, ma anche un modo per raccontare un territorio straordinario attraverso le migliori produzioni agroalimentari che l’Abruzzo è in grado di esprimere. Per questo abbiamo incoraggiato e continueremo a sostenere questo progetto che ha contribuito tanto nel far conoscere questo tratto di costa che a breve vedrà anche la realizzazione della pista ciclabile lungo il vecchio tracciato ferroviario”.

cena sui trabocchi1

Cala Lenta è organizzata anche con il contributo del Gal Majella Verde Banca, del Pastificio Cocco e Bper – Banca popolare dell’Emilia Romagna e il patrocinio di Slow Food Italia, Comune di San Vito Chietino, Centro interno della Camera di Commercio di Chieti e GAC Costa dei Trabocchi, Street Food.

Il programma nel dettaglio su http://www.calalenta.com/brochure2015.pdf

 

 

Print Friendly

Simona Giordano