0
Pubblicato il 3 giugno 2014 da Monica Di Fabio in Notizie
 
 

Workshop su internazionalizzazione dei prodotti agroalimentari: giovedì a Teramo

agroalimenta
agroalimenta
Valorizzare le tipicità locali e favorire la commercializzazione dei prodotti abruzzesi nei mercati internazionali. Sono questi, in sintesi, gli obiettivi del progetto europeo “ELMA-TP” (European Local Manufacturers Training Platform) di cui il Polo Agire, il consorzio delle piccole e grandi imprese dell’agroalimentare d’Abruzzo, è partner insieme alle società italiane e Pixel Association.

Il progetto, che prevede una serie di iniziative in parte già svoltesi negli altri Paesi aderenti (tra questi Turchia, a cui spetta il coordinamento, Slovenia, Grecia e Lituania), fa ora tappa in Italia con un workshop in programma a Teramo, giovedì 5 giugno, alle ore 15, a Sant’Atto, nella sede del Polo Agire. All’incontro parteciperanno produttori locali e rappresentanti del mondo economico e istituzionale.

Lo scopo di ELMA-TP è in particolare quello di promuovere le piccole e medie imprese regionali da un punto di vista commerciale, anche attraverso l’ingresso in nuovi mercati esteri, e facilitare la formazione professionale degli operatori nell’ottica di una maggiore competitività. A tale scopo i partecipanti, nel corso dell’incontro di giovedì, saranno coinvolti in maniera attiva al fine di fare una valutazione sullo status attuale e potenziale delle tipicità abruzzesi. Tali valutazioni saranno esaminate negli step successivi al fine di individuare le potenziali aree di miglioramento e offrire alle stesse aziende strumenti concreti di crescita e sviluppo.

Il programma del workshop prevede, dopo i saluti dell’ad di Agire Donato De Falcis, gli interventi di David Falcinelli (Federazione Coldiretti Abruzzo), il quale parlerà della difesa del made in Italy; Carmine Masoni (Cia Abruzzo) sul tema della tipicità e degli strumenti di tutela; Marta Edda Valente (Polo Agire), che illustrerà lo stato di attuazione del progetto Elma-Tp; Matteo Paradisi sui criteri e sulla metodologia per la selezione delle tipicità locali.

Print Friendly

Monica Di Fabio