Chieti diventa Betlemme lunedì 6 gennaio per il presepe vivente nel cuore cittadino

Torna il presepe vivente di Chieti che l’Amministrazione Comunale organizza in collaborazione con l’Associazione “Teate Nostra”. La Natività si svolgerà lunedì 6 gennaio 2014 a partire dalle ore 16.00. “Si tratta di un evento, ormai, entrato di diritto nella tradizione delle manifestazioni della città che il Comune, nonostante il momento di grave crisi economica che…

La Panarda di fine anno finger food, è l’idea di Caprice per il cenone

Cenone all’insegna della tradizione abruzzese con la Panarda in stile “finger food” dello chef Donatello Cacciatore per Caprice, roccaforte del maestro pasticcere pescarese Fabrizio Camplone nel capoluogo adriatico. Si tratta di un’alternativa originale per trascorrere la notte di S. Silvestro gustando piatti tipici preparati con ingredienti genuini e di qualità e riuscire ad affrontare l’appuntamento…

Una Notte al Museo, aperte le strutture nazionali. In Abruzzo aperture straordinarie il 1 gennaio 2014

Il Ministero dei Beni culturali e Turismo  apre gratuitamente le porte dei musei oggi, 28 dicembre, anche di notte per il sesto appuntamento di Una Notte al Museo. E in Italia i musei accoglieranno i visitatori anche il 1 gennaio con aperture straordinarie in moltissime strutture, dagli scavi di Ercolano, Pompei e Stabia in Campania…

A 50 anni dalla divisione Abruzzo e Molise si riuniscono in cucina

La separazione della Regione “Abruzzi e Molise” compie 50 anni e domani, sabato 28 dicembre, questa indipendenza burocratica sarà celebrata a Vasto presso la Sala congressi del Palace Hotel dalle ore 10,00, in coincidenza con un’altra cerimonia, stavolta enogastronomica sull’unione che è rimasta fra questi due territori fratelli “Divisi dalla carta, fatti della stessa pasta” a…

Dillo a Babbo Natale e L’Aquila Rugby 1936 raccoglie i sogni degli aquilani

Scrivere a Babbo Natale, raccontargli pensieri, emozioni, esprimere desideri, nostalgie, sogni, bisogni di una città e della sua gente che aspetta di veder rinascere il posto dov’è nata, cresciuta, vissuta normalmente fino al 6 aprile del 2009 e che il terremoto ha ferito così profondamente, a cui ha cambiato connotati che non ritornano agli occhi…