0
Pubblicato il 30 ottobre 2014 da Simona Giordano in Notizie
 
 

Eataly, inaugurato il corner per L’Aquila con i prodotti abruzzesi

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Uno strumento  per far conoscere le tipicità dell’Aquila e dell’Abruzzo che pur rappresentando delle eccellenze sono poco promosse. Così il sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, ha commentato l’iniziativa  di Oscar Farinetti di inaugurare  un corner dedicato all’Abruzzo nella sede romana di Eataly, ex stazione ferroviaria, disegnata dall’Architetto Lafuente, oggi scrigno dell’immenso patrimonio agroalimentare Italiano. Il ricavato dalla vendita dei prodotti sarà in parte destinato alla ricostruzione dell’Aquila.

“Eataly ha il dovere di aiutare”

“L’iniziativa” – ha dichiarato Farinetti in conferenza stampa – “è molto semplice: Eataly compra le eccellenze d’Abruzzo, crea un corner ben visibile al suo interno ed invita ad acquistare i prodotti con una campagna specifica. Dopo, il 25%, ovvero il guadagno, viene restituito al territorio. Pensate che filiera meravigliosa!  I soldi non bastano ed Eataly ha il dovere di aiutare. Toccherà sempre più ai privati, a noi italiani, da qualsiasi parte proveniamo, di cercare di intervenire. Dell’Aquila, mi ha molto colpito la grande bellezza del centro storico, non ancora pienamente riparata. Questa iniziativa, pertanto, vuole non solo aiutare le eccellenze di un territorio ad emergere ma anche contribuire, pur se in piccola parte, alla sua rinascita. E’ la prima volta che facciamo una cosa così’ – ha dichiarato Farinetti – e la facciamo per L’Aquila e l’Abruzzo convinti che il valore del rispetto può passare dal senso del dovere alla sfera del piacere”.

Farinetti e Agostino Masciarelli

Farinetti e Agostino Masciarelli

“L’apertura di questo corner” – ha aggiunto Cialente “si lega al grande progetto di sviluppo dell’area interna dell’Abruzzo, tutta da scoprire e che ora dobbiamo puntare a vendere, dal punto di vista turistico, culturale, naturalistico, enogastronomico e dei borghi. Questo angolo all’interno di Eataly, sara’ quindi un grande veicolo per un’operazione che stiamo portando avanti anche politicamente convinti che la politica, soprattutto ora che la citta’ e’ molto ripiegata su se stessa, debba essere in grado di creare aspettative”

Print Friendly