0
Pubblicato il 28 giugno 2013 da Monica Di Fabio in Rubriche
 
 

La spesa rincara, la carne scende nei consumi

spesa, carrello
spesa, carrello
Riparte la corsa del carrello della spesa, che a giugno sale all’1,7 per cento annuo attestandosi su valori molto più alti rispetto al tasso d’inflazione (+1,2 per cento). Colpa dei rialzi dei prezzi dei carburanti e degli alimentari freschi, che ancora pagano la lunga ondata di maltempo che non ha dato tregua alle campagne con allagamenti e frane che hanno trascinato in alto le quotazioni al dettaglio di frutta (+6,9 per cento) e verdura (+11,2 per cento). Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, in merito ai dati diffusi oggi dall’Istat.
carneIl capitolo alimentare ha subito un vero e proprio tracollo. Le famiglie in trincea hanno ridotto qualsiasi acquisto: carne bovina (-6,5 per cento) e pesce fresco (-4,8 per cento), frutta (-4,5 per cento) e ortaggi (-2,2 per cento). Ma anche pasta (-1,6 per cento) e latte (-3,6 per cento).
“Tagli” alle quantità che riflettono una riorganizzazione totale della spesa alimentare da parte de consumatori, costretti dalla crisi a rivedere scelte e abitudini al supermercato -continua la Cia- Oggi, infatti, il 65 per cento delle famiglie compara i prezzi con molta più attenzione; il 53 per cento gira più di un negozio alla costante ricerca di sconti, promozioni e offerte speciali; il 42% privilegia le grandi confezioni o “formati convenienza”; il 32% abbandona i grandi brand per marche sconosciute e prodotti di primo prezzo; il 24% ricomincia a fare cucina di recupero con gli avanzi della cucina. In più, oltre il 16% delle famiglie rinuncia del tutto a pranzi e cene fuori dalla mura domestiche (ristoranti, trattorie, tavole calde, fast-food, pizzerie).
Print Friendly

Monica Di Fabio